Viaggiare nella terra dei Kiwi.

Se volete venire in Nuova Zelanda e viaggiare in lungo e in largo, ricordate che non è un paese organizzato per il viaggiatori zaino in spalla solitari come lo è l’Australia. Il miglior modo per girarla è quello di affittare una macchina o un van, perchè non dispone di tanti collegamenti interni, la ferrovia esiste solo tra le grandi città ma ho trovato una compagnia di autobus che percorre alcune tratte. Se vi può interessare, io ho fatto un biglietto ad ore, mediante il quale posso viaggiare con diverse compagnie di autobus e traghetti, locali e interurbani. Si chiama
TravelBusPass, si trova in tutti in centri informazioni. Mi sembra abbastanza flessibile e conveniente ed quello che fanno tutti quelli senza macchina. Parto dalla piovosa Auckland diretto verso la Baia delle isole, la zona del primo insediamento degli europei. A differenza dell’ immensa Australia, di tanto in tanto si vedono paesini qua e là. La campagna è molto piacevole dove si possono vedere le piante tipiche neozelandesi come la famosa New Zeland Fern simbolo della nazione. Ma la cosa che colpisce subito, è la stragrande presenza di.. PECORE!!! PecUre Pecure e pecure dappertutto, campi pieni di pecore beeeeeeee.. prima di partire mi avevano detto di questa caratteristica, “Ci sono più pecore che abitanti” mi dicevano.. e pensavo fosse una battuta, fino a quando lo leggo anche sulla guida: 4,2 milioni di persone e 40 milioni di pecure!!! BEEEEEEE
Dopo 4 ore arrivo a Paihia.. un paesino di vacanza, tranquillissimo, con una spiaggetta e la vista delle isole a largo. Arrivo in ostello, deserto, e quasi mi sembra di aver sbagliato.. ma cos’è un resort? Si chiama Pickled Parrot ed è l’ostello più bello che abbia mai visto fin’ora: pulitissimo, fornito di tutto, nuovo, comodo e con tanti servizi.. forse un po’ troppo? Vi dico solo che in salotto c’erano anche i fiori!!! Ma cos’è?????
Cucina enorme e fornita di migliaia di cose! Zona Barbecue, e bagni splendenti, anche con l’apposito contenitore per i rotoli di carta igienica, gli asciugamani e le tendine sulle finestre!!! ..Mi fa quasi paura! Soprattutto dopo l’orribile ostello di Auckland, questo mi sembra un albergo 5 stelle. Faccio subito amicizia con tre ragazzi, Manuel (tedesco), Jack (inglese) e Franco (argentino), il quale, quest’ultimo è un tornado di simpatia, che suonando la sua chitarra, mi offre del vino solo perché sono italiano e ci invita tutti a cantare con lui! Che tajo! Fuori piove, non si può far nulla, faccio solo la spesa, mi informo su quello da vedere e come andarci, sperando di avere bel tempo domani, e trascorro la prima giornata in ostello, in compagnia dei miei nuovi amici.
Chur Bro!

Pubblicato in NUOVA ZELANDA - The Far North | Lascia un commento

Kia Ora Aoteaora!

È il secondo giorno e già questa città mi ha stancato! Oggi devo incontrare un certo Bruce, amico di Marisha! Quella donna è sempre una sorpresa! Ha chiamato un suo amico che vive in Nuova Zelanda dicendogli che sarei venuto qui, così ha organizzato il nostro incontro per una piacevole chiacchierata. Aspetto fuori dall’ostello fin quando un signore cinquantenne cerca di pronunciare in mio nome “Are you Aurelio?”. Andiamo a fare colazione in un bar nel Northshore, a nord della città, oltre il fiume. Che strano! Mi ritrovo a parlare con questo simpatico signore che neanche conosco, mi fa fare un giro della città attraversando il ponte, con una vista magnifica della città, mentre mi bombarda di domande sul mio viaggio e sull’Italia e sulla Sicilia! Ma anch’io ho tante domande! Al bar gli chiedo tante cose, dai posti più belli da vedere, allo stile di vita in Nuova Zelanda, chiedo anche della considerazione dei Maori nell’isola, raccontandomi brevemente la storia della colonizzazione. Come ogni civiltà attaccata da colonizzatori, all’inizio gli inglesi e gli olandesi non hanno di certo trattato nei migliori dei modi queste tribù, anche se i Maori, essendo dei guerrieri, si sono difesi parecchio bene, quindi le battaglie e morti si sono susseguiti per anni. Ma al contrario dell’Australia, in Nuova Zelanda, c’è stata una maggiore e precoce comprensione nel rispettare queste popolazioni, forse anche perché qui in Nuova Zelanda non c’era l’oro che faceva diventare matti e ostili gli europei come in Australia, ecco perché fin dall’inizio i Maori sono stati integrati nella società occidentale. Questa è una terra agricola, disseminata da vulcani, alcuni dei quali ancora attivi. Bruce mi dice anche che, ogni tanto si vedono piccoli comportamenti di razzismo contro i Maori, ma mi conferma che è migliaia di volte meglio rispetto l’Australia. È stata una conversazione lunga e molto piacevole, abbiamo parlato anche di viaggi, di Marisha e lui ha voluto sapere tante cose dell’Italia, dove non è mai stato. Io gli ho descritto anche la Sicilia e alla fine quando l’ho ringraziato per i consigli, è stato lui che mi ha ringraziato, dicendomi “ Grazie, ho imparato tanto oggi, ho viaggiato rimanendo nella mia città”, cosa che mi ha fatto parecchio piacere! Poi viaggiando scoprirò che questa grande ospitalità verso i visitatori è una caratteristica dei neozelandesi, ciò che li rende gente veramente di cuore! E da quel momento, da quando sono sceso dalla macchina salutando e ringraziando Bruce, non so perché, ho sentito che il viaggio stava per iniziare, cosa che non avevo ancora avvertito.. e per far questo dovevo muovermi, andare via da Auckland. Voglio vedere i veri paesaggi della vera Nuova Zelanda, immergermi nella sua atmosfera e incontrare gente.. Lo stesso pomeriggio chiamo l’ostello per cancellare le due notti già pagate, vado al centro internet e prenoto il biglietto e ostello in un piccolo villaggio, Paihia..
Lascio la città piovosa e triste, e con esse tutta la negatività causata dai problemi che ho avuto fin’ora! Via, via! si va nel FAR NORTH, nella Baia delle isole!
Che l’avventura abbia inizio!
Kia Ora Aoteaora!

Pubblicato in NUOVA ZELANDA - Auckland | Lascia un commento

Auckland

La prima impressione che ho avuto appena lo shuttle bus si è allontanato dall’aeroporto per avvicinarsi alla città, è stata quella di Sydney.. in qualche modo mi ricordava Sydney.. le colline, ampi spazi tra un quartiere e l’altro, anche la torre nel centro città che si intravede. Come da abitudine, non appena mi sistemo in camera, esco subito ad esplorare la città. Auckland: cosa dire, una città come tante altre dell’Australia, solo in un’altra isola, ricordo un’amica con cui parlavo di questo viaggio che mi accingevo a fare OVERSEAS, cioè all’estero per l’Australia, gli dicevo “vado in un’altra nazione!” e lei, “Not Really! Is just the same atmosphere in a different landscape” (è solo la stessa atmosfera in un paesaggio diverso). Immagino che, in Nuova Zelanda come in Australia, le città sono tutte uguali, e non hanno nulla da far vedere o da mostrare di tanto emozionante.. se non fosse per qualche museo di storia Aborigena, o di Maori in questo caso. E sinceramente sono anche stanco di vedere le stesse cose: stessi palazzi, stesse strade, stessi ubriachi, stessi negozi.. sarà che da quando sono partito sembra andarmi tutto storto, e vedo tutto in negativo? Sarà che alla dogana mi hanno rotto così tanto le scatole per robe stupide, che forse non riesco più a vedere in maniera positiva questi luoghi? Sono diventati monotoni e insipidi. Sarà che la mancanza dell’Italia si sta facendo sempre più forte, che nella sua monotonia riesco comunque a sentire un’essenza. Continuo a passeggiare per Queen Street, senza meta. Raggiungo lo Wharf e sinceramente mi aspettavo di meglio.. che delusione, almeno a Sydney è la cosa più bella della città. Mangiando il mio kebab, mi rilasso alla vista dell ‘ oceano, poi a sorpresa, noto che a destra c’è un piccolo Harbour con tanti ristoranti e locali e pieno di gente.. beh questo è carino! Piccolo ma piacevole. C’è una cosa che mi ha sorpreso, camminando per le strade di Auckland: è la presenza massiccia di Maori, ovviamente occidentalizzati ma comunque integrati alla società di provenienza europea. Questa la ritengo una cosa estremamente positiva, rispetto al modo di come vengono considerati e trattati gli aborigeni in Australia, ovvero degli outsiders, poi non so se anche qui ci sia razzismo nei confronti dei Maori, ma da quello che vedo, molto di meno. Si vedono anche alcuni di loro con i tradizionali tatuaggi sul viso e magari la maglietta della Billabong! Grandi!
La cultura Maori la ritrovi dappertutto, principalmente nei nomi delle strade (ci metti un’ora prima di capire e leggerle!) e delle città, nei soldi, nelle decorazioni dei palazzi. Molto interessante! Ed a quanto posso capire, i Maori sembrano aver mantenuto di più la loro cultura nella loro terra natìa, nonostante la presenza europea. Che bello!
Oltre alla cultura Maori, qui c’è anche un’altra cultura che si mantiene in tutto il mondo direi, ma principalmente in Australia e NZ: quella cinese e asiatica. L’unica cosa carina dell’ostello dove alloggio è di avere a pochi passi l’Asian centre! Un centro commerciale con tutta roba asiatica e ovviamente strapieno di ristoranti dal cinese al cambogiano, dall’indiano al tailandese! un’ottima scelta per la cena!
Mmhh Si mangia!!!!

Pubblicato in NUOVA ZELANDA - Auckland | Lascia un commento

Fuga in Nuova Zelanda!

Con l’arrivo del nuovo anno si prepara per me un periodo intenso e nuovo. Sto per decidere di rimanere a lungo termine qui in Australia, cosa che, per me, non è stata facile da decidere. Per far ciò ho bisogno di tanti documenti e le mie giornate si intensificano di stress e nervosismo, tra il lavoro al bar che non mi lascia un attimo libero, mille cose da sbrigare e tutti gli uffici chiusi per ferie, senza avere nessuna risposta.. pedalando su e giù per la città sempre con i minuti contati tra un impegno e l’altro.. questo doveva essere per me un periodo di lunga vacanza e invece mi ritrovo a fare più di quello che le mie forze fisiche possano fare.. a volta mi viene voglia di lasciar perdere tutto talmente le crisi di stress.. Una sera guardandomi allo specchio rimango turbato di come tutto il nervosismo mi abbia reso irriconoscibile fisicamente.. e dico BASTA! Devo reagire.. non appena finisco di sbrigare le ultime cose burocratiche, decido che è il momento di una pausa, per me stesso! A costo di essere licenziato.. decido di andare via per un po’.. sono venuto qui principalmente per viaggiare e quindi prendo il primo aereo e vado via.. ho voglia di viaggiare, sentire di nuovo quella sensazione di libertà e pensare, riflettere con me stesso e godermi la vita più possibile! Un altro paese che avevo in programma di visitare è la Nuova Zelanda, visto la vicinanza (rispetto al resto del mondo), quindi, faccio il biglietto e scappo letteralmente da tutta la tensione fisica che ho accumulato fin’ora! Ho lavorato così tanto che in una settimana dall’emissione del biglietto non ho avuto neanche il tempo di organizzarmi lo zaino, così mi ritrovo la notte prima ad impacchettare tutto senza tempo necessario per dormire, ma non importa! Domani partirò per una nuova destinazione e avventura che mi farà riprendere!
Nuova Zelanda, I’m coming!

Pubblicato in NUOVA ZELANDA - Auckland | Lascia un commento

BUON ANNO da MELBOURNE!

28 dicembre 2008.. il mio arrivo in Australia.. ricordo ancora benissimo ogni attimo di quei primi giorni, ma soprattutto le emozioni che quasi mi risalgono su per la pelle e mi lanciano in un attimo nel dolce ricordo di quei giorni, dove tutto era nuovo, bello e pieno si aspettative positive..
Dopo due anni sono ancora qua, a Melbourne però.. realizzato, sereno, ho costruito la mia piccola vita qui, adattandomi più possibile con le abitudini di questo meraviglioso paese che mi ha regalato fin dall’inizio bellissime emozioni e tanta ospitalità.. ormai mi sento parte di questo paese, tutto mi è familiare e normale e mi relaziono sempre con tanta curiosità e interesse alle nuove cose che mi capitano. Ho una piccola famiglia qui, tantissimi amici che mi vogliono bene ma devo ammettere che durante quest’anno ho avuto tanti momenti di demoralizzazione, la mancanza di casa, la famiglia i miei amici e soprattutto la presenza di una persona che credevo fosse speciale.. mi hanno fatto spesso passare momenti tristi e bui.. che ho superato grazie al sostegno di persone fantastiche che mi sono sempre state accanto.
L’ultima settimana sono stato super impegnato, ho lavorato tantissime ore al bar obbligandomi a organizzare quel poco tempo disponibile facendo i salti mortali per sbrigarmi un po’ di faccende importanti.
Il tempo non è stato granché, insomma siamo in estate, e mi innervosisco ancora quando vedo le nuvole e la pioggia; da siciliano, mi viene difficile da accettare!
Il 31 dicembre è stato il giorno più caldo dell’anno qui a Melbourne, si è arrivati fino a 42 gradi!!!! Eccezionale! I cioccolatini che avevo lasciato in camera, li ho trovati cioccolata calda!
Subito dopo il lavoro, devo prepararmi per andare al cenone con alcuni amici, sarà italo-australiano.. Carola ci cucinerà le prelibatezze italiane mentre io porto un po’ di Pies Australiane! Eheh Dopo la cena, tutti a Federation Square per aspettare i fuochi! Ovviamente è impensabile andare con le biciclette, quindi una lunga passeggiata ci fa raggiungere la fiumara di persone che si dirige lì.. In piazza c’è musica e festa.. sono tutti già fuori di testa.. arriva il conto alla rovescia..
Quando arriva la fine dell’anno, ti viene di fare un resoconto di tutto quello che è successo: durante quest’ultimo, sono state tante le cose che mi sono capitate e che ho fatto, così tante che non saprei da dove cominciare prima, alcune belle, alcune brutte, alcune indimenticabili.. ma tutte, han fatto ciò di farmi vivere un anno intensissimo, carico di emozioni, sempre con l’adrenalina alta! Ho incontrato tantissime persone, ho visto luoghi che non immaginavo neanche e ho sempre goduto a pieno quello che mi stava capitando, giorno per giorno, perché fondamentalmente ero contento di ciò.
Per l’anno che viene, spero di avere un anno stupendo come quello passato, con tantissime emozioni e sorrisi, lasciando i brutti momenti all’anno che se ne va, sperando che saranno soppiantati da altri migliori, di vivere nuove indimenticabili esperienze, nuovi viaggi, nuovi orizzonti, rimanendo così come sono.
È l’augurio che do a tutti voi che mi avete seguito fin’ora e che, nonostante la lontananza mi fate sentire ancora tra di voi!
Grazie amici, un augurio vero e di cuore da Aurelio, di un felice anno nuovo
-3, -2, -1…
I fuochi d’artificio danzano in cielo, Federation Square si colora di festa, tutti ci abbracciamo e ci porgiamo un sorriso di speranza e gioia.

//www.youtube.com/get_player

BUON ANNO DA MELBOURNE!!!!

Pubblicato in AUSTRALIA - My Ozzy Life in Melbourne | Lascia un commento