ABEL TASMAN National Park (ritrovare se stessi).

Ma il mio motivo principale per cui sono venuto qui è l’Abel Tasman National Park, per cui, dopo un bel pomeriggio caldo in giro a Nelson, torno in ostello per pianificate la giornata.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ci sono tantissimi tour organizzati ma preferisco fare le cose in solitaria. Vado in bus fino a Marahau e da lì prendo una delle tante barche che ti portano in giro per la baia. Io prendo un semplice watertaxi che fa diverse fermate, così nel frattempo vedo anche le altre spiagge del parco marino: sembrano veramente stupende.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ci sono diversi yacht e barche festaiole in giro per la baia, spesso in alcune spiagge si trovano vere e proprie feste affollate. Io decido di scendere all’ultima fermata, nella baia Torrent, alla spiaggia detta Anchorage; il tassista mi spiega che da qui, so più tornare indietro e percorrere il sentiero del parco, sono tanti chilometri, ma voglio proprio farlo! E poi, è quella che consigliano per chi vuole stare in pace con la natura, senza drinks alcolici e musica tecno.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sono da solo; il signore mi lascia al pontile e appena la barca si allontana, mi ritrovo in una spiaggia deserta, da solo con la natura e il suono dolce delle onde che si infrangono nel bagnasciuga.. mi sembra di vivere una scena di Robinson Crusoe. All’inizio provo una strana sensazione ritrovarmi completamente da solo in una spiaggia in mezzo all’oceano.. ma poi realizzo quanto sia speciale e fantastico godersi un posto così bello tutto per sé! Inizio a fotografare ogni angolo e a girovagare tra gli scogli.. è stupendo! Mi viene in mente una delle mie canzoni preferite: Enjoy the Silence..

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Dopo diversi bagni e tanta crema solare, inizio a percorrere il sentiero che mi dovrebbe portare al punto di partenza: c’è una mappa all’entrata, fino a Marahau: 13 chilometri e 4 ore di camminata!

Ce la posso fare dai! Non ho fretta. Il sentiero passa attraverso una piccola foresta tropicale, con tanti punti di osservazione, a volte è così in alto che si può vedere parte della costa del parco.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ogni tanto trovo altre piccole belle spiagge e via, un altro tutto rinfrescante. Esplorare il parco in questo modo è stupendo, senza orario, senza fretta, circondati dalla rigogliosa natura neozelandese: sono stracontento di tutto quello che sto vivendo! È una sensazione bellissima. Dopo non so quante ore, arrivo pian piano a Marahau. Lì un cane mi viene incontro appena mi vede, come se mi conoscesse o mi stesse aspettando, troppo simpatico! Mi metto a giocare con lui, e insieme al mio nuovo amico, rimaniamo ad ammirare in paesaggio e un bel tramonto, prima di prendere di nuovo il bus, che mi riporta a Nelson. Vorrei rimanere qualche altro giorno in più qui.. ma devo sfruttare i pochi giorni che mi rimangono per vedere altre cose.

Devo dire che quella di oggi è stata un’altra bellissima esperienza indimenticabile che farà parte delle High lights di questo viaggio in Nuova Zelanda! In generale tutto questo viaggio mi sta caricando di energia positiva, ma oggi particolarmente mi sento molto fortunato e felice. Grazie Abel Tasman.

Questa voce è stata pubblicata in NUOVA ZELANDA - Abel Tasman National Park e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...