Vacanza Prolungata? No worries! Alla scoperta di Wellington.

Inizio la mia giornata veramente alla grande: in teoria, sarebbe ora di tornare a Melbourne, e riprendere a lavorare.. ma la Nuova Zelanda mi sta piacendo così tanto e sto così bene che vorrei rimanere a viaggiare ancora un po’ e prolungarmi fino all’isola del Sud. Me ne hanno parlato talmente bene, che non posso non approfittarne!

Così chiamo Louisa, la mia boss, e provo a spiegare la cosa, sempre se fattibile e senza complicazioni.. la sua risposta? “Ok mate! Nooo worries! But only one week more allright? Then we need you here!” … La risposta inaspettata e totalmente tranquilla mi fa andare l’umore al settimo cielo! Io adoro gli australiani e la loro visione della vita! Esco dall’ostello come un vincitore del lotto, è mattina presto e si prospetta una bellissima giornata! Wellington sei tutta mia!
InizioOLYMPUS DIGITAL CAMERA il giro dal quartiere amministrativo della città, vicino l’ostello, dove si trovano palazzi più importanti della città, da quelli più antichi a quelli più recenti, tra cui questi ultimi il famoso Beehive ovvero, l’alveare. Ebbene sì, un palazzo costruito negli anni ’
70 a forma di alveare, che fa parte del parlamento. Come spesso accade, per queste architetture non convenzionali, c’è chi lo adora, c’è chi lo disprezza, ma è talmente famoso che è diventato il simbolo architettonico della città.

Accanto, la più austera e neoclassica Casa del Parlamento, OLYMPUS DIGITAL CAMERAmentre si distingue la neogotica biblioteca parlamentale. Ma forse l’edificio con più valore è il palazzo governativo, il più antico, del 1880 circa, fatto tutto in legno, uno dei più grandi al mondo, e ci si deve avvicinare per realizzare che non è pietra!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

Proseguo per la via principale della città, Lambton Quay, piena di negozi e uffici, è ancora presto ed è quasi tutto chiuso e silenzioso, così salgo verso la fermata della funivia per godere della vista panoramica della città e visitare i giardini botanici. La salita in funivia dura circa 10 minuti e dalla terrazza panoramica si può ammirare tutto il panorama della città, dalla baia al Monte Vittoria, veramente bello. OLYMPUS DIGITAL CAMERADa lì, si accede ai giardini botanici: meravigliosi! Forse i più belli che abbia mai visto: è un tripudio di fiori colorati di tutti i tipi, da quelli occidentali a quelli più esotici e poi piante altrettanto diverse, tra cui sovrastano le famose Newzealand feather, che sono anche il simbolo della nazione! Per esempio, i giocatori di football neozelandesi, gli Allblack (quelli famosi per il rito Aka, per intenderci), l’hanno adottato come simbolo.

 

Passeggio con piacere tra questo tripudio di piante e fiori, mi rilassa molto e vedo con piacere tante famiglie con i loro bambini che fanno altrettanto!OLYMPUS DIGITAL CAMERA Ho sempre notato questa tendenza a portare i bambini a contatto con la natura, molto più che in Europa. È una cosa molto bella e importantissima, perché fa crescere i bambini con un alto senso di rispetto per la natura! E allo stesso modo si divertono e respirano aria buona, invece di stare a casa a giocare con i videogiochi o chiusi in una stanza.

Alla fine percorro tutto il giardino e pranzo anche lì, seduto sul prato e godendo del sole.. ahh life is beautiful!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

 

 

Scendendo dalla funivia, ritorno su Lambton Quay, che sono le 12 passate e sembra quasi un’altra via: gente che va e viene, cafè affollati, musica e molto movimento. Da li vado a Civic Square, OLYMPUS DIGITAL CAMERAuna grande piazza con il palazzo del comune, la biblioteca comunale, ma la struttura che desta più curiosità sembra essere una pedana in legno per bambini, è abbastanza grande ma non riesco a capire a cosa si ispiri, dalla mia immaginazione, direi ad una antico battello o galeone, anche perché non lontano c’è proprio il museo della navigazione. Fatto sta, che è ben riuscita!

 

Visto la popolarità suscitata dai bambini e non solo! OLYMPUS DIGITAL CAMERALa piazza è un misto di antico e moderno e a pochi metri si trova il famoso Te Papa, il museo di cultura Maori che andrò a visitare di sicuro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in NUOVA ZELANDA - Wellington. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...