Cape Reinga e il Far North.

Era prevista una giornata un po’ nuvolosa e piovosa e invece appena mi alzo, trovo un sole splendente a darmi il buongiorno! Perfetto. Oggi si va ancora più a Nord! All’estremo nord dell’isola, Cape Reinga passando per la famosa
Ninety Miles Beach. Ho trovato un tour in autobus che fa diverse fermate in zona
passando anche dalla spiaggia! Bene, dopo un’oretta si arriva all’ingresso
della spiaggia: è molto larga e infinita, costeggiata da dune di sabbia e una
larga banchigia dove passa l’autobus, che figata! Percorriamo un bel tratto di
spiaggia, non è esattamente lunga 90 miglia, ma 70, si dice che questo nome
derivi dal cognome di un esploratore che approdò qui e che si abinava
con il posto.. al di là dell’esatta lunghezza, è molto caratteristica. Lungo la
spiaggia, il bellissimo panorama della costa occidentale dell’isola, con il Mar
Tasmano e isolette sparse qua è là lungo la costa. Superato il tratto – ad un
certo punto vediamo qualcosa che si muove sulla banchigia, é un pinguino!!!
é appena arrivato a riva, esausto dalla lunga nuotata da chissà dove.. Che
carino! Arrivati quasi alla fine, scendiamo e ci incaminiamo in un sentiero
con delle dune di sabbia enormi, montagne di sabbia direi, e delle persone che
si lanciano con una tavola.. figooo così anch’io come gli altri, mi munisco di
una tavola e comincio a salire la montagna di sabbia, e stremato finalmente
arrivo in cima, il panorama è stupendo e se guardo giù, quasi fa impressione
da quanto è alto.. ma la cosa sembra divertente, così, mi posiziono sulla tavola
e giùùùù !!! Una figata! Ma si deve tenere la bocca chiusa! Altrimenti ti fai
una bella scorpacciata di sabbia. In certi tratti si va fino a 70 Km/h e nel tratto
c’era una piccola collinetta che ti faceva fare un salto in aria e poi riatterare!
Bello!
Se si continua a nord, si percorre un sentiero che porta alla vera estremità nord della Nuova Zelanda, qui c’è anche un parco con animali e zone sacre per i Maori. la cosa che mi sorprende, è vedere le spiegazioni dei posti in doppia lingua: Inglese e Maori!!! E’ proprio una bella cosa, anche questo ti fa capire come i “nuovi Neozelandesi” siano rispettosi degli abitanti che vivevano nell’isola prima di loro.
Sono vicino l’estremità, così arrivo fino alla fine, salendo per le colline da dove
si vede un panorama spettacolare. Si intravede il famoso faro e il mar
Tasmano dal colore verde che si incontra con l’oceano Pacifico blu intenso.
Che bello, la bella giornata ti regala una vista magnifica, soprattutto dalla
collinetta soprastante il faro, con i faraglioni della costa e l’immensa spiaggia.
Ma adesso godiamo fino in fondo questo panorama! Scendendo un po’ più giù,
si arriva alla spiaggetta orientale, nascosta tra due faraglioni.. e finalmente
dopo mesi ormai, riesco a farmi il bagno, stavolta però nell’oceano Pacifico!
Bellissimo!
Prima di tornare in ostello, l’autista dell’autobus ci dà l’opportunità di vedere i
giganti della foresta Puketi. I Maori dicono che le loro radici si estendono
sottoterra per lunghe distanze, quindi assorbono l’energia che proviene dalla
terra e se gli abbracci riuscirai a assimilarla anche tu..
E allora diamo un grande abbraccio a questi alberi giganteschi!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in NUOVA ZELANDA - The Far North. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...