Auckland

La prima impressione che ho avuto appena lo shuttle bus si è allontanato dall’aeroporto per avvicinarsi alla città, è stata quella di Sydney.. in qualche modo mi ricordava Sydney.. le colline, ampi spazi tra un quartiere e l’altro, anche la torre nel centro città che si intravede. Come da abitudine, non appena mi sistemo in camera, esco subito ad esplorare la città. Auckland: cosa dire, una città come tante altre dell’Australia, solo in un’altra isola, ricordo un’amica con cui parlavo di questo viaggio che mi accingevo a fare OVERSEAS, cioè all’estero per l’Australia, gli dicevo “vado in un’altra nazione!” e lei, “Not Really! Is just the same atmosphere in a different landscape” (è solo la stessa atmosfera in un paesaggio diverso). Immagino che, in Nuova Zelanda come in Australia, le città sono tutte uguali, e non hanno nulla da far vedere o da mostrare di tanto emozionante.. se non fosse per qualche museo di storia Aborigena, o di Maori in questo caso. E sinceramente sono anche stanco di vedere le stesse cose: stessi palazzi, stesse strade, stessi ubriachi, stessi negozi.. sarà che da quando sono partito sembra andarmi tutto storto, e vedo tutto in negativo? Sarà che alla dogana mi hanno rotto così tanto le scatole per robe stupide, che forse non riesco più a vedere in maniera positiva questi luoghi? Sono diventati monotoni e insipidi. Sarà che la mancanza dell’Italia si sta facendo sempre più forte, che nella sua monotonia riesco comunque a sentire un’essenza. Continuo a passeggiare per Queen Street, senza meta. Raggiungo lo Wharf e sinceramente mi aspettavo di meglio.. che delusione, almeno a Sydney è la cosa più bella della città. Mangiando il mio kebab, mi rilasso alla vista dell ‘ oceano, poi a sorpresa, noto che a destra c’è un piccolo Harbour con tanti ristoranti e locali e pieno di gente.. beh questo è carino! Piccolo ma piacevole. C’è una cosa che mi ha sorpreso, camminando per le strade di Auckland: è la presenza massiccia di Maori, ovviamente occidentalizzati ma comunque integrati alla società di provenienza europea. Questa la ritengo una cosa estremamente positiva, rispetto al modo di come vengono considerati e trattati gli aborigeni in Australia, ovvero degli outsiders, poi non so se anche qui ci sia razzismo nei confronti dei Maori, ma da quello che vedo, molto di meno. Si vedono anche alcuni di loro con i tradizionali tatuaggi sul viso e magari la maglietta della Billabong! Grandi!
La cultura Maori la ritrovi dappertutto, principalmente nei nomi delle strade (ci metti un’ora prima di capire e leggerle!) e delle città, nei soldi, nelle decorazioni dei palazzi. Molto interessante! Ed a quanto posso capire, i Maori sembrano aver mantenuto di più la loro cultura nella loro terra natìa, nonostante la presenza europea. Che bello!
Oltre alla cultura Maori, qui c’è anche un’altra cultura che si mantiene in tutto il mondo direi, ma principalmente in Australia e NZ: quella cinese e asiatica. L’unica cosa carina dell’ostello dove alloggio è di avere a pochi passi l’Asian centre! Un centro commerciale con tutta roba asiatica e ovviamente strapieno di ristoranti dal cinese al cambogiano, dall’indiano al tailandese! un’ottima scelta per la cena!
Mmhh Si mangia!!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in NUOVA ZELANDA - Auckland. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...