Rotolando verso l’estremo Sud!

Le giornate di sole e il caldo ti invitano ad andare al mare, quindi facciamo un bel giro per le spiagge di Pozzallo: il Maganuco, la mia spiaggia preferita, dove vado spesso da solo perché è molto tranquilla ed è l’unica dove raramente ci sono un po’ di onde, Raganzino sempre riparata dal vento perché c’è il porto, lì ci andavo da piccolo, Pietrenere quella che va più di moda tra i giovani, Primo scivolo, presa d’assalto per chi pratica il KiteBoarding e il Secondo scivolo, animata forse più di sera per il locali alla moda e le discoteche. Noi alla fine scegliamo Pietrenere. Visto che siamo il comune più a sud d’Italia, e i ragazzi erano incuriositi verso la Punta estrema che si intravedeva dalla spiaggia; decidiamo di andarci. Iniziamo allora a fare un bel giro per tutta la costa verso la punta estrema. Passando le varie contrade in periferia arriviamo alla Mazza, dove il vento comincia ad alzarsi e l’isola dei Porri sembra così vicina da poterla afferrare. Visitiamo “U Saltieddu” dove ci sono delle bellissime calette e spiagge particolari dall’acqua cristallina, poi dietro la roccia la famosa “Cirica”, che purtroppo l’anno scorso hanno chiuso la spiaggia, quindi raggiungibile solo via mare, un vero peccato! Perché è uno scenario splendido! (La foto che ho pubblicato l’ho scattata due anni fa) Poco più avanti Porto Ulisse, dove ancora riusciamo a vedere una barca araba di Emigrati arenata sulla spiaggia, che la Capitaneria deve ancora asportare: che strano vederla ancora là. Proseguendo verso sud, la strada passa per i Pantani Longarini, luogo di riposo per gli uccelli che emigrano in africa, e viceversa. In alcuni periodi dell’anno è possibile vedere strani uccelli da queste parti, ad agosto se si è fortunati anche i fenicotteri! Da qui la strada si fa tortuosa e stretta, siamo in mezzo alle campagne, ma dopo punta delle formiche, si riesce a scorgere la suggestiva Isola delle Correnti!
Questo posto mi piace un sacco e d’estate vengo spesso qui, perché è bellissimo! Altro che Maldive! Solo che troviamo un po’ di vento, ma tra un po’ di giorni il tempo si dovrebbe assestare e questo posto diventa bellissimo. Questo è in assoluto il posto più a sud dell’isola e d’Italia (se non si contano le Pelagie e Lampedusa), qui si incontrano il Mediterraneo e lo Jonio, e nel passaggio per andare sull’isola si vede la differenza dei due mari: quasi sempre uno e un po’ più mosso e l’altro e calmo una tavola!
Sull’isola si trova una ex-caserma militare della Seconda Guerra Mondiale che fa parte del paesaggio ormai, e laggiù a sud, l’Africa! Ovviamente non è possibile vederla come molti credono, piuttosto si riesce ad individuare il punto delle famose secche di Circe che la maga, secondo la mitologia Greca, allucinava chiunque si avvicinasse con la visione dell’Africa per farli andare in un’area di forti correnti che faceva affondare le navi.
Peccato che il vento non riesce a mostrare la vera bellezza di questo posto, questo implica di doverci tornare per forza quest’estate!
La sera a casa ci aspettano delle pietanze tipiche, come le Scacce i Scappuzzi(tipiche Pozzallesi, con il pesce e varie verdure) e l’antico dolce Biancumanciari, scoprendo grazie a Barbara che un dolce tipico dal nome simile è presente in Francia.. c’è da scommettere qualche influenza storica,
d’altronde siamo in Sicilia, il centro del mondo un tempo, dove le varie dominazioni ci hanno lasciato qualche peculiarità qua e là, che hanno fatto accrescere e integrare la nostra storia e cultura nel tempo.
Purtroppo la settimana è passata in fretta, Stefano e Barbara devono ripartire, Silvia invece rimane un giorno in più. Facciamo una bella biciclettata per la città dal
Lungomare Raganzino arriviamo fino al Secondo scivolo, godendo dei paesaggi e dell’aria di mare che ci circonda. Mare cristallino e pulito, spiagge bianche e piccole calette qua e là. In questi giorni ho cercato di mostrare Pozzallo in tutte le sue sfaccettature e ripercorrendo con loro i luoghi dove ho vissuto fin’ora; spesso anche io mi fermavo a pensare:
ma quanto sono belli questi posti, e io sono nato qui! Spesso i Pozzallesi e non solo, si dimenticano quanto sia bello vivere in un posto così speciale, e devono essere sempre gli altri, i “forestieri” a farti capire quanto è bello Pozzallo e dintorni. Certo, non è perfetto, avrà dei difetti come tutte le altre città del mondo, ma devo dire che Pozzallo è molto migliore rispetto a tante realtà della Sicilia e anche d’Italia!
L’ultima serata con Silvia passa in allegria e con una leggera malinconia. Mi hanno fatto un bel regalo di compleanno, venendomi a trovare e ho trascorso con loro delle bellissime giornate. Spesso mi sembrava di stare a casa a malpensa, ma senza lo stress dei turni, o del lavoro ecc, abbiamo recuperato tutte le risate perse in questi mesi ed è stato bello rivedere per me delle persone che reputo veri amici. Fino ad un anno fa neanche ci conoscevamo, poi per caso è nata una vera amicizia che spero duri nel tempo! E anche se le cose professionalmente sono andate male per tutti, siamo comunque insieme, uniti, nella speranza che si possa trovare fortuna e che le cose vadano nel migliore dei modi!
Vi voglio ragazzi e spero che riusciamo tutti a trovare la nostra strada più giusta per ognuno di noi!
In bocca al lupo!

Il vostro Aurelibus…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ITALIA - Pozzallo * la mia città. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...