LA FAMIGLIA RITROVATA!

Bene. Quella che vi sto per raccontare è una cosa di cui pochi minuti prima che tutto iniziasse non avevo la più pallida idea di quello che avrei trovato.
Cercherò di non prolungarmi troppo perchè le emozioni sono state tante e necessiterebbero una lunga spiegazione che risale a circa 50 anni fa, che vede protagonista una parte della famiglia di mia madre di cui io non ero a conoscenza in questo modo!
Pochi giorni prima che partissi, mia madre aveva detto a tutti che andavo in Australia, il giorno dopo la mia partenza, una zia, saputa la notizia diede a mia madre il numero di un altro zio che da anni vive in Australia, raccomandadomi di chiamarlo per portargli i saluti da parte di tutta la famiglia. Anni fa mia madre mi aveva accennato di questo zio emigrato in Australia negli anni ’50, ma io non riuscivo a ricordarmelo perchè l’ultima volta che venne a Pozzallo io ero bambino.. Quindi, in questi giorni mia madre mi ricordava sempre di chiamarlo per salutarlo, anche se lui e la moglie abitavano lontano da Melbourne perché hanno una fattoria, così mi diceva mi mamma.. e nonostante la mia stupida timidezza che ogni tanto emerge, ho provato a fare il numero: “Hello?! Hi, I’m Pinuccia’s son.. how are you?..” Mi risponde questa vocina così familiare e in dialetto stretto mi dice calorosamente: “Ciao Aurelio! Arrivasti finalmente a Melbourne? Dove sei, vieni vieni che qui ti aspettiamo!” .. praticamente, mi stavano aspettando da tanto! Sapevano tutto e si ricordavano anche di me! E per giunta non abitano più di in fattoria ma in città! Fantastico, quindi da un giorno all’altro mi sono dovuto organizzare ad andare a casa loro e conoscere i miei lontani zii. Pensavo di starci una mattinata e poi ritornare in città per fare un altro giro. Mi spiegano il tram da prendere, abitano vicino il vecchio aeroporto di Essendon, riconosco la via dal tram e con cartina in mano e il numero civico scendo da tram per cercare l’indirizzo.. “Aurelio???” mi giro e incontro mio zio.. calzoncini corti, pancetta, occhi azzurri.. non appena lo guardo ho un flash: è identico a mia nonna, in effetti sono fratelli ma mi ha fatto uno strano effetto! Con lui c’è una signora “Ciao Aurelio, che bello conoscerti, sono tua cugina Grazia!” cominciano a farmi domande mentre ci dirigiamo a casa, lì c’è Zia Rosina, che mi da il benenuto a braccia aperte come se mi conoscesse da sempre!
Entro in casa e vedo tante persone che si precipitano a presentarsi: sono i miei cugini! Il telefono squilla e sono altri che chiamano per sapere se sono arrivato.. sno meravigliato e mi sento un po’ un vip! Vivono in una casa ENORME! Le stanze sono grandissime, giardino all’entrata, orto retrostante, il bagno sembra una sala da pranzo.. cominciano a farmi domande, per conoscermi e a raccontarmi di come sono venuti qua.. poi sono io che racconto di Pozzallo, di quello che è cambiato ecc.. quando cominciamo a mangiare non credo ai miei occhi! Piatti tipici siciliani e anche il caffè espresso! mi lecco i baffi! rimaniamo a parlare, mentre ogni tanto telefona qualche altro cugino per parlare con me! Mi invitano alla festa di compleanno della moglie di Rosario (uno dei cugini), ovviamente accetto, e poi nel pomeriggio vado con Jonhatan, Roslyn, Stephany e Adriana (min*ia non ci sto capendo già niente! Tutti loro sono i miei cugini?!!) a Williamstown, un quartiere sulla baia a sud-est e trascorriamo il pomeriggio là tutti insieme.. torno a casa come un ubriaco, non riesco ancora a credere a tutto questo, quando lo racconto ai ragazzi di St.Kilda anche loro sono sorpresi e curiosi. L’indomani mi vesto di tutto punto e vado al compleanno di Angela.. entro in casa e.. una marea di gente che aspetta l’ospite d’onore (cioè io!) con ansia.. comiciano a presentari tutti ma io non ci capisco una mazza! Sono tutti miei parenti??chi più chi meno, ma pur sempre della famiglia? Non ci posso credere! Magari è stupido pensarlo, ma anche se mi avevano accennato di questi zii in Australia, non pensavo assolutamente che dietro ci fosse una famiglia così grande come la mia in sicilia! In effetti con 4 figli e i figli dei figli, e i fidanzati, parenti dei fratelli, cognati e figli dei cognati.. mi sento ubriaco! Tutti che mi vogliono parlare ma spesso non mi ricordo i loro nomi e non so chi siano! Tutti che si vogliono fare le foto con me.. sembra che la festa sia mia non di Angela! Mi sento un po’ lo zio d’America quando torna in patria, ma in questo caso direi, il cugino dall’Italia! Allora mi viene un’idea brillante: contatto mi mamma e le spiego il tutto, mamma comincia a chiamare tutti a casa e ci colleghiamo con skype con la videocamera. L’idea è fenomenale: praticamente le due famiglie che vivono dalle parti opposte del pianeta adesso sono collegati grazie ai miracoli di Internet: è bellissimo! Dopo anni i nipoti posso parlare con gli zii e i cugini si possono conoscere.. è fantastico! “Ciao! Come stai? Io sono tua cugina Flavia!” “Ah Ciao Flavia! Io sono tuo cugino Pippo! Questi sono i miei figli.. “ che flash allucinante! Adesso le due famiglie si sono riviste e conosciute, in virtuale ma meglio di prima.. scappa qualche lacrima perché le emozioni sono forti. Io sono contentissimo invece perchè il giorno prima non ero assolutamente a conoscenza di tutto questo e adesso che li ho trovati volevo condividere queste belle emozioni con la mia famiglia in Italia.. è bello pensare che anche se certe persone non ci sono più, vivono ancora tra di noi, dentro di noi, in un modo o nell’altro, e neanche migliaia di chilometri possono dividerci! Da un giorno all’altro ho ritrovato una parte della mia famiglia, ho “nuovi” cugini, “nuovi” zii, ed è strano pensare che anche se sono cresciuti in una realta differente dalla nostra, noi e loro abbiamo qualcosa in comune!
Sono ancora scioccato da tutte le persone che ho conosciuto stasera ma sono contentissimo di aver fatto una cosa bellissima, perché magari dopo 50 anni la mia famiglia è ritornata ad essere unita come un tempo. I miei nonni sarebbero fieri.
Quella sera ho dormito a casa di Grazia. Tutti mi trattano con i guanti d’oro e si vede che lo fanno con il cuore! Oggi è stata una serata speciale, mai potevo immaginare tutto questo, sono felice!
Bene. Quella che vi sto per raccontare è una cosa di cui pochi minuti prima che tutto iniziasse non avevo la più pallida idea di quello che avrei trovato.
Cercherò di non prolungarmi troppo perchè le emozioni sono state tante e necessiterebbero una lunga spiegazione che risale a circa 50 anni fa, che vede protagonista una parte della famiglia di mia madre di cui io non ero a conoscenza in questo modo!
Pochi giorni prima che partissi, mia madre aveva detto a tutti che andavo in Australia, il giorno dopo la mia partenza, una zia, saputa la notizia diede a mia madre il numero di un altro zio che da anni vive in Australia, raccomandadomi di chiamarlo per portargli i saluti da parte di tutta la famiglia. Anni fa mia madre mi aveva accennato di questo zio emigrato in Australia negli anni ’50, ma io non riuscivo a ricordarmelo perchè l’ultima volta che venne a Pozzallo io ero bambino.. Quindi, in questi giorni mia madre mi ricordava sempre di chiamarlo per salutarlo, anche se lui e la moglie abitavano lontano da Melbourne perché hanno una fattoria, così mi diceva mi mamma.. e nonostante la mia stupida timidezza che ogni tanto emerge, ho provato a fare il numero: “Hello?! Hi, I’m Pinuccia’s son.. how are you?..” Mi risponde questa vocina così familiare e in dialetto stretto mi dice calorosamente: “Ciao Aurelio! Arrivasti finalmente a Melbourne? Dove sei, vieni vieni che qui ti aspettiamo!” .. praticamente, mi stavano aspettando da tanto! Sapevano tutto e si ricordavano anche di me! E per giunta non abitano più di in fattoria ma in città! Fantastico, quindi da un giorno all’altro mi sono dovuto organizzare ad andare a casa loro e conoscere i miei lontani zii. Pensavo di starci una mattinata e poi ritornare in città per fare un altro giro. Mi spiegano il tram da prendere, abitano vicino il vecchio aeroporto di Essendon, riconosco la via dal tram e con cartina in mano e il numero civico scendo da tram per cercare l’indirizzo.. “Aurelio???” mi giro e incontro mio zio.. calzoncini corti, pancetta, occhi azzurri.. non appena lo guardo ho un flash: è identico a mia nonna, in effetti sono fratelli ma mi ha fatto uno strano effetto! Con lui c’è una signora “Ciao Aurelio, che bello conoscerti, sono tua cugina Grazia!” cominciano a farmi domande mentre ci dirigiamo a casa, lì c’è Zia Rosina, che mi da il benenuto a braccia aperte come se mi conoscesse da sempre! Entro in casa e vedo tante persone che si precipitano a presentarsi: sono i miei cugini! Il telefono squilla e sono altri che chiamano per sapere se sono arrivato.. sno meravigliato e mi sento un po’ un vip! Vivono in una casa ENORME! Le stanze sono grandissime, giardino all’entrata, orto retrostante, il bagno sembra una sala da pranzo.. cominciano a farmi domande, per conoscermi e a raccontarmi di come sono venuti qua.. poi sono io che racconto di Pozzallo, di quello che è cambiato ecc.. quando cominciamo a mangiare non credo ai miei occhi! Piatti tipici siciliani e anche il caffè espresso! mi lecco i baffi! rimaniamo a parlare, mentre ogni tanto telefona qualche altro cugino per parlare con me! Mi invitano alla festa di compleanno della moglie di Rosario (uno dei cugini), ovviamente accetto, e poi nel pomeriggio vado con Jonhatan, Roslyn, Stephany e Adriana (min*ia non ci sto capendo già niente! Tutti loro sono i miei cugini?!!) a Williamstown, un quartiere sulla baia a sud-est e trascorriamo il pomeriggio là tutti insieme.. torno a casa come un ubriaco, non riesco ancora a credere a tutto questo, quando lo racconto ai ragazzi di St.Kilda anche loro sono sorpresi e curiosi. L’indomani mi vesto di tutto punto e vado al compleanno di Angela.. entro in casa e.. una marea di gente che aspetta l’ospite d’onore (cioè io!) con ansia.. comiciano a presentari tutti ma io non ci capisco una mazza! Sono tutti miei parenti??chi più chi meno, ma pur sempre della famiglia? Non ci posso credere! Magari è stupido pensarlo, ma anche se mi avevano accennato di questi zii in Australia, non pensavo assolutamente che dietro ci fosse una famiglia così grande come la mia in sicilia! In effetti con 4 figli e i figli dei figli, e i fidanzati, parenti dei fratelli, cognati e figli dei cognati.. mi sento ubriaco! Tutti che mi vogliono parlare ma spesso non mi ricordo i loro nomi e non so chi siano! Tutti che si vogliono fare le foto con me.. sembra che la festa sia mia non di Angela! Mi sento un po’ lo zio d’America quando torna in patria, ma in questo caso direi, il cugino dall’Italia! Allora mi viene un’idea brillante: contatto mi mamma e le spiego il tutto, mamma comincia a chiamare tutti a casa e ci colleghiamo con skype con la videocamera. L’idea è fenomenale: praticamente le due famiglie che vivono dalle parti opposte del pianeta adesso sono collegati grazie ai miracoli di Internet: è bellissimo! Dopo anni i nipoti posso parlare con gli zii e i cugini si possono conoscere.. è fantastico! “Ciao! Come stai? Io sono tua cugina Flavia!” “Ah Ciao Flavia! Io sono tuo cugino Pippo! Questi sono i miei figli.. “ che flash allucinante! Adesso le due famiglie si sono riviste e conosciute, in virtuale ma meglio di prima.. scappa qualche lacrima perché le emozioni sono forti. Io sono contentissimo invece perchè il giorno prima non ero assolutamente a conoscenza di tutto questo e adesso che li ho trovati volevo condividere queste belle emozioni con la mia famiglia in Italia.. è bello pensare che anche se certe persone non ci sono più, vivono ancora tra di noi, dentro di noi, in un modo o nell’altro, e neanche migliaia di chilometri possono dividerci! Da un giorno all’altro ho ritrovato una parte della mia famiglia, ho “nuovi” cugini, “nuovi” zii, ed è strano pensare che anche se sono cresciuti in una realta differente dalla nostra, noi e loro abbiamo qualcosa in comune!
Sono ancora scioccato da tutte le persone che ho conosciuto stasera ma sono contentissimo di aver fatto una cosa bellissima, perché magari dopo 50 anni la mia famiglia è ritornata ad essere unita come un tempo. I miei nonni sarebbero fieri.
Quella sera ho dormito a casa di Grazia. Tutti mi trattano con i guanti d’oro e si vede che lo fanno con il cuore! Oggi è stata una serata speciale, mai potevo immaginare tutto questo, sono felice!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in AUSTRALIA - Melbourne, AUSTRALIA - My Ozzy Life in Melbourne. Contrassegna il permalink.

4 risposte a LA FAMIGLIA RITROVATA!

  1. Elettra ha detto:

    …leggendo mi sono emozionata!…deve essere stato bellissimo ritrovare un pezzo di Pozzallo ma sopratutto un pezzo della tua famiglia!…e poi questa famiglia è enorme!!!…sono contenta che tu sia riuscito a fare la loro conoscenza…i parenti all’estero sono sempre ospitali!

    Mi piace

  2. Aurelio ha detto:

    che carina ahahsi, indescrivibili le emozioni che abbiamo provato e poi come mi hanno trattato! ma la serata più bella è stata la videoconferenza tra le due famiglie dopo tanti anni! che spettacolo!

    Mi piace

  3. Anonimo ha detto:

    mamma mia aurè, chissà quanti parenti abbiamo in giro x il mondo…ma quanti sono? quindi quello è il fratello della nonna? E le assomiglia? se dovessimo fare un albero genealogico….dici ca ni piddiemu ra casa? chissà se un giormo anch’io avro’ l’opportunità di conoscerli! Pozzallo is everywhere! che piatti siciliani ti hanno preparato? sai penso sempre a mangiare! xD

    Mi piace

  4. Aurelio ha detto:

    no vale non puoi capire!!! che bello! mi hanno trattato benissimo e ti dico solo che ho mangiato anche le arancine e il Panicutti`!forse conoscerai Jonathan perche` verra` a Pozzallo st`estate! chissa` che bordello combineremo! non vedo l`ora!!! preparati!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...